Perfezionare la guida: aumento della sicurezza e risparmio sui consumi

L’importanza di guidare in maniera corretta e consapevole per prevenire incidenti e ottimizzare il proprio lavoro.

Reading Time: 3 min.
Reading time: 3 minutes

 

L’essere umano è fatto per camminare; partiamo da questa semplice affermazione per iniziare a comprendere quanto sia importante prestare attenzione alla guida di un mezzo. Non si tratta della nostra situazione naturale, per cui per andare a 80 km all’ora su un auto, un camion o altro dobbiamo riconoscere anzitutto i nostri limiti e avvicinarsi a una guida più consapevole.

 

Foto di Efficient Driving

Quello in cui crediamo è che una formazione specifica possa insegnare una guida più sicura e più produttiva per i lavoratori e per le aziende.

Quali sono gli elementi e i risultati di una guida perfezionata?

Perfezionare lo stile di guida di autisti, padroncini, o dipendenti che per il proprio lavoro in azienda si trovano a doversi spostare molto, non solo rende più sicuro il loro viaggio e previene eventuali rischi ma accresce la propria produttività. Conoscere le nostre possibilità ci aiuta a guidare meglio e ci tiene lontani dalle trappole della mente.

 

Quali sono queste trappole e perché non riusciamo ad evitarle?

Non è facile per il nostro sistema registrare la realtà alla guida di un mezzo, il cervello non elabora gli elementi sempre allo stesso modo. Ad esempio luci, ombre, oggetti in movimento, mettono in moto registrazioni diverse da parte nostra che a volte possono omettere degli elementi presenti nella visuale.

Non basta un’occhiata per essere sicuri di ciò che si vede: possiamo elaborare “asfalto e altri elementi sulla carreggiata” e non registrare un ciclista che sta arrivando da una strada secondaria.

Immaginiamo di guidare il nostro mezzo guardando la strada e tenendo sotto controllo con la coda dell’occhio quello che accade a destra e a sinistra. Questa visione non basta, perché, quando l’occhio invia informazioni imprecise, il cervello riceve immagini incomplete e tende allora a ricostruirle come può.

Quando i nostri occhi vedono qualcosa che non funziona, la reazione del cervello e la decisione di quello che bisogna fare arrivano dopo 1 secondo e mezzo che ad esempio a 80 km all’ora, significa che abbiamo già percorso 36 metri senza far nulla!

Ma il cervello ci gioca mille scherzi, voglio fare un esempio: siamo fermi e a fianco a noi c’è un camion. Se quello si muove in avanti, la nostra percezione è che invece siamo noi ad andare indietro.

E poi ci sono le illusioni ottiche, che funzionano come quando ci arriva un’informazione insufficiente e non abbiamo il tempo per ragionarci su. Che facciamo allora? “Scommettiamo” che le cose stiano in un certo modo e adottare questo procedimento alla guida non è certo il metodo più sicuro.

Cosa fare per iniziare un percorso verso una guida più sicura?

ALLENARE IL CERVELLO: il nostro cervello non è nato per guidare!

Trappole e abitudini: il cervello registra le informazioni e per permetterci di lavorare su altri aspetti mentre guida cerca di ripetere le scene di un film già visto! Se un giorno, mentre ripetiamo lo stesso tragitto per rientrare a casa dal lavoro, una delle strade che percorriamo diventasse a senso unico, sicuramente potremmo imboccare la strada al contrario senza notare il cambiamento!

Esercizio. In posizione seduta, provate a roteare in senso orario la vostra caviglia destra. Continuando a muoverla iniziate a disegnare con il dito della mano destra nell’aria la figura del numero 6. Cosa succede? Noterete che cambierà qualcosa! Questo accade perché il cervello ha difficoltà nel coordinare insieme movimenti e pensieri!

CONOSCERE LE TECNICHE DI GUIDA

Negli ultimi anni ci sono stati grandissimi cambiamenti nell’approccio e nelle indicazioni da seguire alla guida. L’utilizzo dei veicoli moderni ha cambiato in maniera sostanziale il modo di guidare e i comportamenti da adottare.

Esempio pratico

5 anni fa: per non consumare non si doveva accelerare
Oggi: per non consumare si deve accelerare

Prendere consapevolezza del funzionamento del nostro cervello è un primo passo per cambiare il proprio stile di guida e la conoscenza di alcune regole porta una maggiore sicurezza della persona e una maggiore prevenzione di incidenti e rischi, fa risparmiare gasolio e insegna a curare al meglio il proprio mezzo per evitare guasti e stop inutili durante gli spostamenti.

Per saperne di più e approfondire con Marco Mazzocco, scrivi a redazione@fastexperts.it

 

Resta sempre aggiornato sulle tematiche di tuo interesse: Ambiente, Salute e Sicurezza, Qualità del Prodotto. Clicca sull’immagine qui sotto, scegli il tuo ambito e iscriviti alla News Better Ecol Studio: è gratuito!

Iscriviti alla News Better Ecol Studio!

Ti è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella e vota l'articolo!

Voto medio / 5. Risultato: