Dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001. Come adeguarsi ai nuovi standard di salute e sicurezza

Reading Time: 3 min.
Reading time: 3 minutes

La nuova norma UNI ISO 45001:2018 “Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro – Requisiti e guida per l’uso” è stata pubblicata in Italia il 12 marzo 2018 e rappresenta la prima norma ISO che certifica le buone pratiche per la protezione dei lavoratori. Sviluppata da ISO, l’International Organization for Standardization, e recepita dall’Ente Italiano di Normazione UNI, questa norma definisce gli standard per migliorare la salute e la sicurezza sul lavoro, riducendo i rischi dei processi produttivi e, di conseguenza, permettendo di migliorare le performance delle aziende che scelgono di certificare, sotto accreditamento, il proprio sistema di gestione. Tra i principali obiettivi della 45001:2018 vi è quello di uniformare le varie norme ISO già attive sui sistemi di gestione, per questo ne adotta la medesima Struttura ad Alto Livello – HLS, High Level Structure.

 

Come migrare dalla OHSAS 18001:2007 alla UNI ISO 45001:2018

In questo articolo abbiamo visto quali sono le principali novità rispetto alle precedenti norme di riferimento per i sistemi di gestione e quali vantaggi comporti la sua applicazione in azienda, che risulta facilitata dalla stessa struttura della norma, progettata per integrare le nuove aree tematiche e i nuovi ambiti nei sistemi di gestione già consolidati, quali ad esempio la UNI EN ISO 9001 e la UNI ISO 14001:2015. In particolare, la 45001 è stata ideata per affiancare il più possibile fin da subito la 14001, allineando così tutte le funzioni HSE dell’impresa.

La questione oggi più dibattuta riguarda le modalità di migrazione dalla OHSAS 18001:2007, la precedente norma che sarà sostituita dalla 45001:2018 entro 3 anni a partire dal 12 marzo 2018, come stabilito dal documento IAF MD 21:2018Requirements for the Migration for ISO 45001:2018 from OHSAS 18001:2007”. Sulla base di questa direttiva, attualmente per la gestione delle certificazioni OH&SMS accreditate, nelle quali rientrano la 18001:2007 e la 45001:2018, vigono i seguenti documenti:

  • ISO IEC 17021-1:2015Conformity assessment – Requirements for bodies providing audit and certification of management systems”: sostituisce la precedente ISO IEC 17021:2011 per gli Organismi che effettuano la certificazione dei sistemi di gestione;
  • ISO IEC TS 17021-10:2018Conformity assessment – Requirements for bodies providing audit and certification of management systems – Part 10: Competence requirements for auditing and certification of occupational health and safety management systems”: definisce i requisiti di competenza per la certificazione dei sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro;
  • IAF MD 22:2018Application of ISO/IEC 17021-1 for the Certification of Occupational Health and Safety Management System (OH&SMS)”: dal 25 gennaio 2018, definisce i criteri addizionali specifici per la valutazione degli accreditamenti OH&SMS da parte degli Organismi di Certificazione.

Di recente ritiro, fino al 19 giugno 2019 vigeva anche il RT 12:2006, applicabile in Italia unicamente alla gestione della certificazione OHSAS 18001:2007.

 

Insieme ad Accredia verso la UNI ISO 45001:2018

Alla luce di tutto questo, Accredia ha emanato in data 19 giugno 2018 una Circolare informativa per regolamentare la  migrazione alla UNI ISO 45001:2018 delle certificazioni emesse sotto il proprio accreditamento e la transizione ai documenti IAF MD 22:2018 e ISO IEC TS 17021-10:2018.
Considerato che fino all’11 marzo 2021 saranno valide sia le certificazioni emesse a fronte della norma UNI ISO 45001:2018 sia quelle in riferimento alla BS OHSAS 18001:2007 e che queste ultime dovranno decadere a partire dal 12 marzo 2021, per non determinare aggravi economici a carico delle organizzazioni che ne faranno richiesta ovvero per non emettere certificati dalla validità inferiore ai 3 anni, a partire dal 12 marzo 2020, cioè con un anno di anticipo, gli Organismi di Certificazione dovranno effettuare gli audit esclusivamente secondo la nuova norma UNI ISO 45001:2018.

Anche a Ecol Studio può aiutarti a predisporre i tuoi sistemi di gestione alla nuova UNI ISO 45001:2018. Un valore aggiunto che ti suggeriamo di acquisire da subito, convinti che la nuova norma sia un’opportunità di crescita in ambito SSL da cogliere al volo e un’occasione per investire nel futuro della propria impresa, capace di darti un vantaggio competitivo concreto su chi compirà questa scelta nei mesi successivi.
Grazie alla nuova UNI ISO 45001:2018, sarà possibile realizzare una migliore prevenzione e una più efficace gestione della sicurezza integrata, conseguendo una significativa riduzione dei costi, favorita dalla diminuzione degli incidenti, degli infortuni e delle malattie professionali. In tal modo, limiteremo ancor più efficacemente gli effetti negativi derivanti dalla mancata produttività di ogni lavoratore, dall’interruzione dei processi, dalla responsabilità della sostituzione del lavoratore, dai danni alle strutture, agli impianti e alle attrezzature a seguito di un evento infortunistico, dalle azioni di rivalsa da parte degli enti assicurativi e dall’aumento dei premi.

I nostri esperti sono a tua disposizione per preparare la tua organizzazione alla migrazione verso la nuova norma UNI ISO 45001:2018. Contattaci per un audit gratuito, chiamaci allo 0583.40011 oppure scrivi compilando questo form.
Un mondo migliore e più sicuro, insieme, è possibile!